Coliche e benefici della fascia porta bebè

Coliche e benefici della fascia porta bebè
4 (5) voti

benefici fascia porta bebè

 

Le coliche gassose del lattante costituiscono un problema frequentissimo in pediatria. Molte mamme e anche molti papà sanno quanto sia disturbante e fastidioso sia per il bambino che per loro vedere il loro bimbo che si lamenta, piange, strilla agitando le gambine e si batte le manine sul pancino perchè ha mal di pancia.

In effetti basta toccare l’addome del neonato per capire che questo è gonfio d’aria. Questo distende le ansie intestinali e provoca dolore piuttosto acuto. Visto che il bambino non può parlare, l’unico modo per esprimersi è piangere.

Le cause delle coliche del neonato sono spesso ancora un mistero. Nessuna sa per certo cosa realmente siano, anche se vi sono varie teorie e ipotesi.

Ecco cosa normalmente accade quando il bambino soffre di coliche gassose:
– improvvisamente grida
– flette le gambe verso il suo addome per poi rilasciarle
– piange disperato contorcendosi tutto
– nulla sembra consolarlo
– le crisi di pianto vanno e vengono.

Solitamente ne soffrono meno i bambini allattati al seno perchè le endorfine contenute nel latte materno svolgono una funzione naturale calmante che infonde tranquillità.

Rimedi alle coliche gassose

Esistono alcune piante che possono alleviare notevolmente questi disturbi. La più nota e la più utilizzata è sicuramente il finocchio. Viene utilizzato come estratto secco.
Visto che parliamo di bambini nelle prime settimane di vita è evidente che non possano assumere le capsule, per cui l’estratto andrà sciolto ad esempio nel latte.
Un’altra via alternativa o complementare con questa è somministrare le capsule di finocchio alla madre a stomaco pieno, dopo pranzo o dopo cena, in modo che il finocchio passando dal latte venga trasferito al lattante.

Esistono anche altre piante utili, per esempio la melissa o l’anice verde; piante però più indicate per bambini dai 3 anni in su.

Il massaggio al pancino è un vero toccasana per il bimbo. Si può ricorrere all’osteopata che provvederà ad eseguire il cosiddetto massaggio infantile. Questo massaggio parte dalle rotazioni delle anche fino a massaggiare delicatamente il ventre. Può essere anche eseguito in maniera preventiva, quando fortunatamente le coliche non sono ancora comparse al neonato.

Oltre a massaggi e piante naturali, la posizione assunta dal bimbo utilizzando la fascia neonato assicura un notevole beneficio grazie al calore della mamma in grado di rilassare il bambino; un semplice contatto naturale che alle volte non viene preso in considerazione.
Provare per credere: il bambino smette di piangere grazie all’effetto calmante del contatto fisico con la mamma. Il contatto cattura l’attenzione del bambino distogliendo l’attenzione dal problema, dal mal di pancia persistente.

 

Ti potrebbero interessare...